Kirill Mezenok è un calcio freestyler professionista di Milano e creatore della prima scuola di calcio freestyle e tecnica calcistica. Si allena in tutti gli stili del freestyle per essere completo a 360 gradi. Grazie alla sua bravura, ha collaborato con aziende importanti come Adidas, M&M’s, Compass e diverse società di calcio professioniste. Vanta anche apparizioni televisive e si esibisce in tutta Italia con il suo team Freestyling.

Ecco perché lo abbiamo scelto per insegnarci un po’ di freestyle. Avete già accolto la sua sfida?

Come e’ nata la passione per il freestyle? Quando hai cominciato?

La mia passione nasce dal calcio giocato. Giocavo a calcio 7 giorni su 7, guardavo i video di Ronaldinho e io e i miei amici tentavamo sempre di imitare i suoi numeri, anche i suoi trick di freestyle. Una volta imparati i 5 atw (giri del mondo) ho scoperto che potevo andare oltre e c’è un vero e proprio sport in cui ci si può allenare!

Qual è il trick più difficile da fare?

Nel calcio freestyle i trick più difficili da fare sono i trick a 3 giri con i piedi. Ma la cosa che più rende un freestyler forte sono le combo, ovvero le combinazioni di una serie di trick di alta difficoltà.

Cosa ti attira del mondo e della cultura freestyle?

Mi attira molto il fatto che è molto spettacolare, è il calcio di strada e quindi è come se fosse quel calcio vero e puro senza mass media e ingaggi da capogiro. Ognuno lo pratica per pura passione e per migliorare sé stesso. Mi affascina anche il fatto che coinvolge e aiuta i bambini dal punto di vista tecnico, un freestyler che palleggia coinvolge l’attenzione anche di 1000 bambini e un bambino che pratica freestyle ha una tecnica e sensibilità superiore a chiunque. Mi affascina molto la libertà di questo sport aperto a ogni cosa.

calcio

Quanto è importante questa disciplina per i bambini che vogliono imparare a giocare a calcio e perché?

È molto importante e secondo me a breve sarà fondamentale! Richiede tecnica, sensibilità e coordinazione, per non parlare del palleggio: sono cose che con il freestyle si acquista in modo molto più efficace. Infatti all’estero sono anni che i freestyler allenano settori giovanili di alcune società. Anche in Italia stanno nascendo iniziative del genere!

Cosa consigli ai nostri giovani calciatori?

Ai giovani calciatori consiglio di giocare per divertirsi, giocare con amici sui campetti e allenarsi sempre con il sorriso. Perché il calcio deve essere praticato per amore e passione del gioco.

A proposito dell'autore

Ciao a tutti! Mi chiamo Francesco e sono un giovane ragazzo come voi che ama follemente il calcio. Insieme possiamo arrivare in alto, e raggiungere il nostro sogno!
Puntate sempre più in alto ragazzi, non accontentatevi mai!

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata